/website/portalmedia/2020-05/gerace_1.jpg  

Gerace (RC)

La Basilica di Gerace

Dichiarato monumento nazionale bizantino-romanico-normanno, la Basilica di Gerace è la più grande della Calabria ed è la più imponente testimonianza dell’occupazione normanna della regione.

Dedicata a Maria Assunta, la Cattedrale è sorta nel periodo normanno tra il 1085 e il 1120, su un edificio pre-esistente risalente all’VIII secolo.

La sua struttura imponente la fa apparire più come una fortezza che un edificio religioso, ma questa sua maestosità ne fa anche il monumento più rappresentativo dell’architettura bizantino-romanico-normanna in Calabria.

Sulla grande parete in pietra calcarea sporgono due delle tre absidi di forma semicircolare. L’interno è suddiviso in tre navate che ospitano 20 colonne granitiche e in marmo, interrotte al centro da due pilastri a T e sormontate da capitelli di epoca tardo-imperiale.

Lungo la navata sinistra è posto il bassorilievo raffigurante l’Incredulità di San Tommaso, mentre l’abside accoglie l’altare del Sacro Cuore di Maria realizzato nel 1771.

In corrispondenza della navata maggiore si apre il lungo coro absidato che riprende le dimensioni della sottostante cripta, mentre sui quadrati laterali del transetto si apre il cappellone quattrocentesco, coperto da una volta a crociera e ornato da costoloni a sezione complessa ricadenti su eleganti colonne angolari.

La Cappella della Madonna dell'Itria è stata ricavata da una chiesa rupestre posta nella cripta della Cattedrale.

Presenta una volta a botte con stucchi ottocenteschi, mentre le decorazioni in marmi policromi sono state realizzate nel 1613 e ripetono le invocazioni bibliche che la Chiesa rivolge alla Santa Vergine.

 

 

 



 


 



mappa-header.png
MAPPA
CHE ESPERIENZA CERCHI?





 
meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.




GUIDA