/website/portalmedia/2020-06/vini-top.jpg  

Calabria

Vini

Prodotti Tipici

La Calabria, un tempo chiamata Enotria (Terra del Vino, dal greco “ôinos (vino)”), produce una gran varietà di vini che hanno ottenuto il marchio DOC, DOCG e IGT.

Le principali zone vitivinicole della Calabria sono il Cosentino, il Lametino, il Cirotano e la Locride. Il vigneto calabro si presenta omogeneo con una prevalenza di vitigni a bacca rossa, tra cui prevale il gaglioppo; molto diffusi anche il magliocco, il nerello, il pecorello, il greco nero. Tra i vitigni a bacca bianca primeggia invece il greco bianco.

 
Bivongi Doc

Bianco, Rosso e Rosato, questo vino si produce sul versante orientale della Catena delle Serre, nella bassa valle del torrente Stilaro, a ridosso dei comuni di Bivongi, Caulonia, Monasterace, Riace e Stilo nella provincia di Reggio Calabria, e nel comune di Guardavalle sito nella provincia di Catanzaro.
Questo vino è da abbinare a formaggi e salumi tipici della regione (Caciocavallo silano, Capocollo, Salsiccia e Soppressata di Calabria) e a piatti tipici della regione, come i “maccaruni”.

 
Cirò Doc

Primo vino calabrese ad ottenere il riconoscimento DOC dall'Unione Europea, il vino Cirò è il più antico in Calabria, poiché veniva prodotto sulla fascia ionica già dagli antichi popoli achei. Il vino Cirò DOC viene realizzato nelle tipologie Rosso (anche nelle versioni Classico, Superiore e Riserva), Rosato e Bianco, nei comuni di Cirò, Cirò Marina, Melissa e Crucoli.
Questo vino è da abbinare a primi piatti conditi con ragù, carni rosse, cacciagione, 'nduja calabrese, il pecorino crotonese e i salumi tipici della Calabria.

 
Greco di Bianco DOC

Il Greco di Bianco è un vino passito prodotto dai vitigni nati nel paese di Bianco, dotato di eccezionali finezze organolettiche. L'area di produzione è da inquadrarsi sul litorale ionico della provincia di Reggio Calabria, poco più sud della Locride. Il Greco di Bianco ha ottenuto il riconoscimento DOC nel 1980.
Questo vino è da abbinare a dolci di pasta di mandorle ma anche piatti a base di fegato d'oca e formaggi piccanti a pasta dura.

 
Lamezia Doc

Il Lamezia è un ottimo vino tipico prodotto nella Piana di Sant'Eufemia, a cavallo tra 9 comuni ricadenti tutti nella provincia di Catanzaro, tra i quali Gizzeria, Falerna, Maida, San Pietro a Maida, Pianopoli e Lamezia Terme, dalla quale prende anche il nome. Il Lamezia ha ottenuto il marchio DOC da parte dell'Unione Europea nel 1995.
Questo vino è da abbinare a piatti di pesce e verdure, agnello, polpette e braciole, ricette con melanzane e peperoni, formaggi e salumi tipici della regione.

 
Mantonico

Il mantonico è un antico vitigno autoctono calabrese a bacca bianca. Le origini greche sembrano essere confermate dal nome del vitigno, la cui radice potrebbe derivare dal greco Μαντισιος (divinatorio-profetico). È coltivato lungo il litorale ionico della Calabria: dalla Valle del Neto, Locri e Palizzi scendendo verso Bianco.

 
Nerelli Mascalese e Cappuccio

Esitono due varietà di Nerello: Mascalese e Cappuccio.
Dal vitigno Nerello Mascalese, a bacca nera, si ottiene un vino con profumi intensi di viola, frutti rossi e spezie e viene coltivato soprattutto nella Locride (RC). Il vitigno Nerello Cappuccio, invece, è diffuso nei comprensori vitati di Reggio Calabria e Catanzaro.
Queste le denominazioni vinificate in Calabria:

  • S. Anna Isola Capo Rizzuto DOC
  • Savuto DOC
  • Arghillà IGT
  • Calabria IGT
  • Costa Viola IGT
  • Lipuda IGT
  • Locride IGT
  • Palizzi IGT
  • Pellaro IGT
  • Scilla IGT
  • Valdamato IGT
  • Val di Neto IGT
 
Nocera

Il vitigno Nocera è un vitigno autoctono a Bacca nera, registrato ufficialmente dal 1970. Il vino che si ottiene è di colore Rosso rubino ed al palato risulta intenso, corposo.

 
Savuto DOC

Coltivato e prodotto nella bassa valle del fiume Savuto, sul versante tirrenico della Calabria, da uve Gaglioppo, Greco nero, Nerello, Magliocco e uve bianche locali, il vino Savuto ha ottenuto il riconoscimento Doc dall'Unione Europea nel 1995.
Questo vino è da abbinare a carni bianche, pecorino crotonese, butirro, giuncata, caciocavallo silano stagionato.

 
Terre di Cosenza DOC

La denominazione Terre di Cosenza DOC è relativamente nuova nel panorama delle DOC della Calabria. All’interno dell’area della denominazione Terre di Cosenza DOC, sono state identificate sette sottozone: Condoleo, Donnici, Esaro, Pollino, San Vito di Luzzi, Colline del Crati e Verbicaro.
Questo vino è da abbinare a specialità regionali quali la salsiccia, la soppressata, il caciocavallo silano stagionato, il pecorino, la ricotta, costolette di agnello, il capretto e le carni bianche arrosto.

 
Vino di Verbicaro

Il vino Verbicaro è coltivato sulle falde occidentali del Massiccio del Pellegrino e l’area di produzione è compresa nella provincia di Cosenza, tra i comuni di Grisolia, Santa Maria del Cedro, Santa Domenica di Talao, Orsomarso e Verbicaro, da cui prende il nome. Il vino Verbicaro ha ottenuto il riconoscimento DOC dall'Unione Europea nel 1995.
Questo vino è da abbinare a specialità regionali quali la salsiccia, la soppressata, il caciocavallo silano stagionato, il pecorino, la ricotta, costolette di agnello, il capretto e le carni bianche arrosto.

 


 


 



CHE ESPERIENZA CERCHI?





 
meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.




GUIDA