/website/portalmedia/2017-05/comuni_miglierina-panorama.jpg  

Miglierina (CZ)

L'antico borgo dei Mulini

Nella Sella di Marcellinara, gola ristretta tra i mari Tirreno e Ionio, sorge il borgo calabrese di Miglierina, situato su un’altura da cui domina il Golfo di Squillace e quello di Sant’Eufemia e che regala panorami mozzafiato. Nelle giornate più limpide si possono ammirare le Isole Eolie e Stromboli. Miglierina è luogo aperto e ospitale, e la comunità accoglie i visitatori conducendoli a pieno titolo nella vita del borgo, attraverso un percorso costellato di incontri e scoperte all’insegna della cultura e della tradizione.
 
Miglierina fa parte dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia e lungo le sue strade tranquille si respira tutta l’autenticità di una realtà che sembra sospesa nel tempo, fatta ancora di antichi valori e tradizioni.
img
Nel territorio circostante il borgo di Miglierina sono presenti i resti di antichi mulini ad acqua da cui, probabilmente, deriverebbe il nome Muglierina, paese dei mulini.
 

Tra le costruzioni più antiche del borgo ci sono le chiese che rappresentano a pieno la storia di Miglierina, luogo fortemente legato alla religiosità. La maestosità e la bellezza della facciata della chiesa di Santa Maria del Principio, conosciuta con il nome di Santa Maria del  Rosario, lascia senza fiato. L’ampio spazio anteriore permette di ammirare con dovizia di particolari il prospetto riccamente decorato a stucchi, con lesene e capitelli corinzi.

 
Miglierina
 

La Sottovia, piazza rivestita in cotto e collegata alla strada provinciale da una scala di forma elicoidale, rappresenta il vero cuore del borgo. Attraversando la scala verso il corso principale si arriva nel quartiere di Chianavalle, dove è possibile ammirare l’antico palazzo della famiglia Torcia. Posizionato più in alto è il quartiere del Quadarune, che si caratterizza per i resti dell’antico Casale attorno al quale hanno trovato sede diverse altre abitazioni antiche. Nelle campagna circostanti si trova il fiume Amato, che offre uno bellissimo spettacolo naturale arrivando fino alla vallata dove sono presenti i resti di numerosi mulini ad acqua. Più in alta quota, nella zona montagnosa della Presila, si può raggiungere il Monte Portella e passeggiare tra alberi di lecci, querce, cerri e castagni e una sorgente d’acqua oligo-minerale.

 
Miglierina
 
I Maestri Migliarinesi

Per voler entrare nel pieno della cultura locale è necessario conoscere le opere create dai Meastri Miglierinesi tra il Settecento e il Novecento, i cui lavori possono essere ammirati ancora nel centro abitato del borgo e in altri diversi comuni calabresi.
La loro opera si suddivide in tre aree d’azione: Mastri del legno, Mastri armieri e Mastri stuccatori e Babbari. La Via dei Maestri Miglierinesi è dedicata proprio a questi artisti ed è introdotta da un monumento a Santa Lucia, patrona del borgo, di cui è presente anche la Chiesa Madre a lei dedicata. Percorrendo questa via ci si imbatte in alcuni edifici storici come Palazzo Arcuri, all’interno del quale è possibile ammirare un antico frantoio con le enormi pietre per la molitura delle olive.

 
Miglierina
 
Gastronomia

La cucina tipica di Miglierina riflette in pieno le caratteristiche di quella regionale calabrese, con insaccati dolci e piccanti, formaggi, verdure e dolci tradizionali. Generalmente la cucina dei piatti tipici si concentra nei periodi di festa, coincidenti con le festività religiose.
Tra i prodotti tipici si possono gustare piatti a base di carne di maiale. Durante il periodo pasquale si cucinano i fraguni e le pitte chine con ricotta e soppressata. Tra le altre ricette spiccano le polpette, le frittelle e braciole di ogni genere, pizze e cullurielli, pitticelle e chinulille.

 


 


Indirizzo Via Telesio
  88040 Miglierina (CZ)
Telefono 0961/993041
Fax 0961/993238
Sito web http://miglierina.asmenet.it/
 

 

Dal centro abitato si può giungere al fiume Amato, chiamato la “fiumara”, che ripercorre la vallata offrendo un suggestivo spettacolo naturalistico grazie ai resti di numerosi mulini ad acqua. Raggiungendo dalla zona montagnosa della Presila si giunge al monte Portella, caratterizzato da alberi di lecci, querce, castagni, cerri, da una sorgente d’acqua oligominerale e da un’area attrezzata per i pic-nic.

Il paese di Miglierina è impreziosito dalle splendide opere dei maestri miglierinesi create tra il Settecento e il Novecento, che costituiscono l’elemento culturale che meglio testimonia della vivacità artistica del borgo. Un monumento opera dello scultore Bagalà dedicato a santa Lucia, patrona della cittadina, introduce alla via dei Maestri Miglierinesi, dedicata proprio agli artisti locali. Il cuore pulsante di Miglierina è una piazza completamente rivestita in cotto, chiamata “Sottovia” e collegata alla strada provinciale da una scala di forma elicoidale. Percorrendo la scalinata verso il corso principale si giunge al quartiere “Chianavalle”, dove si erge il palazzo della famiglia Torcia. All’interno di Palazzo Arcuri è possibile ammirare un antico frantoio con le enormi pietre per la molitura delle olive. Altro quartiere caratteristico è il “Quadrune”, più in alto rispetto agli altri e caratterizzato dalla presenza dei ruderi dell’antico “Casale” di Miglierina che attorno a sé raccoglie altre antiche abitazioni.

Gli edifici religiosi che scandiscono la storia di Miglierina sono tra le costruzioni più antiche del borgo.

La Chiesa Madre, dedicata a santa Lucia, sorge nella piazza principale, mentre nella parte bassa del paese sorge una chiesa del Seicento dedicata al culto di santa Maria del Principio, detta anche chiesa della Madonna del Rosario.



mappa-header.png
MAPPA
CHE ESPERIENZA CERCHI?





 
meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.




GUIDA