Pazzano (RC)

Pazzano

Notizie storiche ci rivelano che Pazzano fosse un villaggio di minatori insediatosi intorno al XIII sec. L'attività mineraria consisteva nell'estrarre la limonite che poi veniva trasformata in ferro nelle fonderie di Mongiana e Ferdinandea. Testimonianza storica del periodo minerario sono ancora presenti sul territorio: bocche di Miniere, Laveria, Fontana "Vecchia" o dei "Minatori. Le ipotesi sull'etimologia del nome Pazzano sono tre: la prima, farebbe derivare da un radicale "passus", cioè valico; la seconda dal francese di "plateau", cioè ripiano in zona montuosa; e la terza dallo spagnolo "plata" che sta a indicare terra mettallifera. Il primo nucleo urbano fu fondato, infatti, intorno ad antiche miniere di pirite che originariamente ricadevano nel territorio di Stilo, di cui seguì le vicende feudali. Con l'ordinamento amministrativo voluto dal generale Championnet (1799), Pazzano fu assorbito dal cantone di Satriano. La legge francese del 19 gennaio 1807 lo elevò a Luogo e lo incluse nel governo di Stilo. Nel 1811 fu riconosciuto Comune e, nel 1816, inserito nella nuova provincia di Reggio Calabria.



 


Indirizzo Piazza IV Novembre
  89040 PAZZANO (RC)
Telefono 0964 731090
Sito web http://www.comune.pazzano.rc.it
 

 

Aggrappato alle pendici del monte Stella, vi è l'eremo di Santa Maria della Stella, dove, in una profonda e suggestiva grotta si venera da secoli la Vergine Santissima della Stella che è raffigurata in una statua in marmo del 1562. All'ingresso della grotta si conserva un affresco tardo bizantino mentre all'interno vi è una giara in cui gocciola, senza mai versarsi, l'acqua che sgorga dalla roccia. Al di sotto della grotta si apre una seconda cavità.



mappa-header.png
MAPPA
CHE ESPERIENZA CERCHI?





 
meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.




GUIDA