/website/portalmedia/2017-02/MERCATINI-E-SAGRE-Diamante-Festival-del-Peperoncino.jpg  

Festa della patata

Nell'ultima domenica di agosto a Bocca di Piazza, frazione del comune di Parenti in provincia di Cosenza, situata a 1270 metri di altezza nella Sila, si svolge da 36 anni la Sagra della Patata. La patata della Sila ha una lunga e documentata storia circa la sua coltivazione sull’altipiano della Sila, si contraddistingue per le sue ottime qualità culinarie e di conservazione rispetto allo stesso prodotto di diversa provenienza e infatti è riconosciuta come prodotto IPG. La manifestazione attira sull’altipiano numerosi visitatori pronti a gustare i piatti tipici a base di patate, preparati dalla gente del posto; nella giornata sono inoltre previsti giochi popolari, manifestazioni sportive, dibattiti e un raduno equino con giochi ippici, gare di abilità e sfilate di cavalli.

 


Festa nazionale dello stocco

Ogni anno, intorno alla metà di agosto, il comune di Cittanova, della città metropolitana di Reggio Calabria, posto nella Piana di Gioia Tauro alle pendici dell’Aspromonte, si appresta a vivere la “Festa nazionale dello stocco” e ad accogliere migliaia di visitatori e turisti provenienti tanto dalla costa tirrenica quanto da quella ionica, nonché dall’intero territorio. Si tratta di un evento atteso e importante per tutta la Regione sia per l’eccellenza del prodotto locale che per la qualità dell’evento culturale. Il pesce stocco è una conserva di merluzzo essiccato che costituisce la base di molti piatti tipici calabresi; il nome deriva probabilmente dalla libera traduzione del termine inglese stock fish, pesce da stoccaggio essiccato. La manifestazione si muove tra gastronomia, spettacolo e intrattenimento, un accostamento vincente che si ripete con successo in forma organizzata da 16 anni, trasformando via Campanella, la strada centrale della città, in un grande ristorante all’aperto dove è possibile degustare il pesce stocco in diverse prelibate ricette.

 


Gran galà del Pesce spada

A Bagnara Calabra, comune costiero della città metropolitana di Reggio Calabria, a pochi chilometri dello Stretto di Messina, si perpetua dal 1965 il “Gran galà del pesce spada”, a cavallo tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, attirando un vasto pubblico proveniente da Calabria e Sicilia. L’obiettivo è quello di promuovere una delle più antiche tradizioni del territorio, ovvero la caccia del pesce spada, che fino a non molto tempo fa veniva praticata con la Spatara, una particolare imbarcazione con un’alta torre di vedetta e una lunga passerella da cui scrutare il mare. Queste battute di pesca erano uno degli spettacoli più caratteristici della zona, durante il quale si assisteva a uno scontro sanguinoso tra l’uomo e il pesce, in cui entravano in gioco la forza e l’abilità dell’uno e dell’altro. Oggi la pesca viene praticata con mezzi e tecniche diverse. Il Gran galà del pesce spada viene di solito aperto in mattinata dal lancio in acqua di una corona d’alloro in onore degli uomini caduti in mare, poi in serata, in Piazza Matteotti, ha inizio la degustazione del pesce spada, preparato da maestranze locali di rinomata esperienza culinaria. Al gusto si accompagnano momenti di piacevole intrattenimento teatrale, musicale, e di approfondimento storico, culturale, sociale ed economico sulla tematica della pesca del pesce spada.

 




IL TUO VIAGGIO PERFETTO







 
meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.


SCEGLI DOVE DORMIRE