CELICO

Importanti ricerche storiche hanno dimostrato che il paese ebbe origine dalla nascita dei cosiddetti casali. Poco prima dell'anno 1000, infatti, a seguito della prima invasione saracena della città di Cosenza, molti dei suoi abitanti decisero di fuggire e di cercare riparo nelle aspre montagne della Sila. I nuovi arrivati resero popolosi i preesistenti villaggi di pastori, fino ad allora unici insediamenti umani dell'altopiano. A quel tempo il nucleo originario di Celico era suddiviso in quattro aree chiamate Cedule. Dopo la venuta dei cosentini le cedule s'ingrandirono fino a formare un solo centro urbano suddiviso in Celico Soprano e Sottano. Unica zona a rimanere staccata fu Minnito che per pochi anni, sotto il dominio francese (1811), ebbe il riconoscimento di Comune autonomo. Ciò alimentò una forte rivalità tra le due comunità che avevano, persino, riti religiosi differenti: Bizantino per Minniti, Ebraico per Celico. Vincenzo Padula proprio dalla presenza ebraica fa derivare il nome del paese. In ebraico Keli-ic starebbe, infatti, a indicare un vaso lungo e stretto come la forma in cui si presentava il centro urbano. La storia del paese si arricchisce grazie alla nascita nel 1130 dell'abate Gioacchino, meglio noto come Gioacchino da Fiore. Negli anni in cui il religioso e filosofo rimase a Celico il centro divenne punto di riferimento culturale e meta di pellegrinaggi. Parteggiò per gli Angioini e fu acerrima nemica di Cosenza divenuta possedimento aragonese. Nel 1644, in seguito all'acquisto da parte del granduca di Toscana, i casali divennero la sede del governatore generale assumendo il ruolo di importanti centri amministrativi. Le angherie feudali, tuttavia, spinsero Celico e gli altri centri a ribellarsi al governatore che nel 1647 fu allontanato. Fu così che il centro del cosentino rientrò nei possedimenti regi.




 


Indirizzo Via Roma, 67
  87053 Celico CS
Telefono

0984435004 - 0984431820

Fax 0984434414
Sito web http://www.comune.celico.cs.it/


Via Roma 63

87053 Celico (CS)

Centralino: 0984 435004

Fax 0984 434414

www.comune.celico.cs.it

 

 

Celico offre ai turisti una piacevole sosta lungo la strada che da Cosenza porta a Camigliatello, nella Sila Grande. Nei dintorni di Celico si trovano diversi paesini assai graziosi: Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo, Pedace, Serra Pedace e Rovito raggiungibili con il trenino che percorre la ferrovia a scartamento ridotto che collega Camigliatello Silano a Cosenza. In alcuni giorni dell'anno, un suggestivo treno a vapore parte da Cosenza e, attraversando l'intera Sila, arriva a San Giovanni in Fiore.

Centro storico degno di nota, con i sui palazzi arricchiti da balconi in ferro battuto e alcuni edifici sacri degni di nota, quali la chiesa di San Michele, quella dei Cappuccini e dell'Assunta, dove si conservano diversi manufatti in legno, opera di artigiani locali.



meandcalabria-header.png
ME AND CALABRIA
CREA IL TUO ITINERARIO DI VIAGGIO E CONDIVIDILO CON CHI VUOI.


SCEGLI DOVE DORMIRE



mappa-header.png
MAPPA
IL TUO VIAGGIO PERFETTO







 


LASCIATI GUIDARE